Archivio tag: Ceresole Reale

Toccata e fuga al Lago di Dres, Ceresole Reale

Ci sono quelle escursioni che per un qualche motivo non riesci mai a completare fino in fondo. Una di queste “bestie nere” per me è il Lago di Dres. Ma andiamo con ordine.Ceresole Reale e Punta Basei Pecceta
Primo mattino a Ceresole Reale (1620m), il cielo è pressochè sereno. Già l’anno scorso siam saliti al Dres ma complici la nebbia ed i miei problemi di pressione, abbiamo preferito scendere senza esplorare molto l’area… Questa potrebbe essere la giornata giusta!
Oltrepassata la diga, dopo qualche centinaia di metri si stacca sulla sinistra il nostro sentiero… Gambe in spalla!
Proprio queste ultime vengono subito messe alla prova: si sale neanche tanto dolcemente in un bosco di Larice (Larx decidua) ed abeti. Il fondo è costituito da una coperta continua di aghi secchi da cui ogni tanto emergono, come delle collinette alte anche un metro, i formicai della Formica rossa (Formica rufa). Giungiamo al ponte sul Rio del Dres, emissario del lago omonimo e che poco a valle da qui crea una spettacolare cascata.
La meraviglia di camminare nella foresta di conifere è talmente tanta da non far pensare alla salita che in questo tratto è abbastanza impegnativa (nulla di estremo comunque). Credo che questo sia il bosco più bello in cui mi sia trovato. D’improvviso ci accorgiamo che il suono dei nostri passi è cambiato: camminiamo sulla neve!
Eravamo stati avvisati che probabilmente dai 1900 metri avremmo iniziato a trovare la neve, la predizione è stata precisa quasi al metro ma poco male, per ora è solo a sparute chiazze che convivono con piccoli stagni temporanei dovuti al disgelo.
Loslà, da qui il percorso diventa pianeggiante e si apre decisamente. Compaiono anche le prime fioriture di Pulsatilla alpina e di Croco.
Ricordo ancora quando la scorsa estate Marta ad occhi chiusi, come in un appuntamento al buio con la bellezza, mi ha condotto oltre la spalla di roccia per godere del mio stupore. Purtroppo allora le cime erano avvolte di nubi ma oggi non mi potranno fregare! Ed infatti arrivato in prossimità delle torbiere la mia bocca si spalanca tanto quanto gli occhi…  Tre Levanne e torbiereLa torbiera solcata dal ruscello è come una tavola color paglia d’inverno che corre fino a quando lo sguardo si infrange sulle pareti delle Levanne! Le tre superbe signore cariche di neve dominano il paesaggio dai loro oltre 3500 mentri! C’è da rimanere senza parole!
Le torbiere son ambienti “effimeri”, una fase di transizione tra uno specchio d’acqua ed un prato. Se ne possono trovare molte sulle Alpi ma non per questo devono essere rovinate, anzi! Sono ambienti unici dal punto di vista faunistico (popolate ed esempio da batteri anaerobi produttori di ammoniaca ed idrocarburi) e floristico (piante carnivoe o Eriofori) con specie adattate a vivere in un ambiente così povero di nutrimenti ed acido. In esse la materia organica si deposita senza esser decomposta e questo permette ai ricercatori di effettuare importanti ricerche sul passato!
Nonostante il disgelo (siamo comunque a fine maggio) presso l’Alpe Foppa la copertura nevosa è diventata pressochè completa e ci rallenta molto ma in prossimità dell’enorme macigno eccoci in vista del lago. Lo specchio d’acqua, sovrastato dal Corno Bianco (2883m) è quasi del tutto ancora coperto dal ghiaccio (qui in veste estiva). Ci fermiamo per il pranzo al margine della conca, tra un morso e l’altro c’è tempo per individuare le varie cime che ci circondano tra cui spiccano: il Mare Percia (3385m), la Cima di Courmaon (3162m) ed il Gran Paradiso (4061m).
Il tempo in montagna muta velocemente, ed in un batti baleno si rannuvola decisamente. Decido però di arrivare solo fino alla sponda del lago (2087m) per segnare quello che un amante del calcio chiamrebbere “il gol della bandiera”! Il cielo è nero ed il temporale sembra dietro l’angolo. Si torna indietro!
Ancora una volta caro il mio Dres l’hai vinta tu… Ma tornerò! Sì, tornerò!
Conca del Dres

A caccia di stambecchi, Chiapili Superiore

Ceresole Reale (1620 m), Valle Orco. Versante piemontese del Parco Nazionale del Gran Paradiso.
Chiapili SuperioreSuona la sveglia, ancora un po’ barcollante dal sonno apro la finestra. Mentre l’aria passa dall’avere l’odore di legno tipico di uno chalet alpino a quello frizzante del mattino si stagliano davanti a me le montagne ancora bianche di neve ed un cielo blu cobalto.
Sembra non esserci giornata migliore per levarci lo sfizio di vedere finalmente gli stambecchi!
Nonostante entrambi abbiamo viaggiato per Alpi, Marta molto più di me a dire il vero, nessuno dei due è riuscito ad immortalarne uno e colmare questa mancanza è proprio uno degli obiettivi che ci siamo preposti per la vacanza. La titolare dell’albergo ci suggerisce di andare fino alla frazione di Chiapili di Sopra dove è facile avvistarne a branchi in questa stagione. Già perchè nonostante sia la fine di maggio, qui la natura ha dei ritmi molto diversi dalla nostra Liguria: resiste ancora molta neve in alto e quindi gli animali si tengono ben più bassi del solito per trovare sostentamento nell’erbetta che molto timidamente inizia ad uscire! Ma ormai il disgelo è iniziato: cascatelle qua e là, addirittura assistiamo in diretta ad una valaga che cade dalle pareti della lontana Punta Basei!Stambecco
Seguiamo la bella passeggiata che circonda il lago (in buona parte ancora asciutto dopo lo svuotamento di questo inverno) ed in poco siamo in località Villa, qui imbocchiamo la strada che risale il corso dell’Orco. Appena superato il campeggio, in prossimità di uno spiazzo, è possibile ammirare le marmitte dei giganti: l’acqua verde gorgoglia senza sosta creando forme uniche nella roccia viva!
Chiappili SuperioreDopo un paio di curve eccoci arrivare a Chiapili Inferiore (1667m), una manciata di case con piccola pista da sci. Poco dietro al paese, ai piedi delle alte pareti di roccia, c’è una radura che regala sempre soddisfazioni faunistiche tanto che riusciamo a vedere il primo camoscio della vacanza. Tempo di fare scorta di cibo che siamo nuovamente in marcia.
Si sale più decisi, superata una curva ci si para davanto lo spettacolo: Chiapili Superiore (1886) circondato da verdi pascoli ed alle sue spalle l’imponente mole della Punta Basei! Uno scroscio continuo attira la mia attenzione, è la cascata del Rio della Percia!
Ancor prima di accorgermene Marta mi indica un punto nel prato tra le case… Uno stambecco!
Lentamente ci avviciniamo per immortalare la scena che sembra quasi una cartolina, ma subito ci accorgiamo che il nostro nuovo amico non ha alcun timore di noi anzi sembra volersi quasi mettere in posa!16052407CHISUP 34_Stambecco
Guadagniamo un’altura nelle vicinanze e pranziamo tra i ruderi di antichi alpeggi. Non perdiamo di vista i prati su cui appaiono sempre più stambecchi ma anche le marmotte ed i camosci ci tengono a far sapere che ci sono!
Proviamo ad avvicinarci per fare altre foto, siamo nel giardino di una villetta… Noi due ed un branco di almeno dieci stambecchi! E tra tutti i più estereffati siamo proprio io e Marta!
C’è anche un individuo dal corno storto, forse per colpa di un trauma? Non lo sappiamo ma non possiamo altro che simpatizzare per questo bizzarro animale!
E’ presto quindi saliamo ancora e nonostante sbuchino stambecchi da ogni parte è sempre un’emozione incontrare lo sguardo di questi maestosi signori della montagna.
Ad aumentare l’euforia ci pensa una coppia di marmotte che non fa altro che azzuffarsi all’uscita di una tana appena sotto il ciglio della strada!
Ma la bellezza è tutta intorno a noi, la valle va a restringersi sempre più verso il luogo simbolo della bellezza di queste aree: il Colle del Nivolet. Non abbiamo tempo di salire ancora e così ci sediamo ad ammirare il Vallone del Carro con la tipica conformazione ad U, ricordo del tempo in cui i ghiacciai discendevano queste vallate alpine!
Ripercorrendo i loro passi torniamo a Chiapili Inferiore dove ci attende un po’ di relax su un tavolo letteralmente lambito dalle acque del torrente! Una giornata che più alpina di così non poteva proprio essere!
35_Verso Serrù 16052411CHISUP Pascolo