Archivio tag: parco nazionale gran paradiso

Ho visto il Paradiso dall’Alpe Money

“Vai all’Alpe Money, è un posto bellissimo!”
Così mi suggeriva mio papà mentre ero in procinto di partire per la vacanza a Valnontey con Marta…
Valnontey, Parco Nazionale del Gran Paradiso.
Appena usciti dall’albergo decidiamo di scattare qualche foto ai verdi pascoli prima di partire per la gita. La vallata è ancora immersa nella fredda ombra del mattino. Qualche campanaccio suona, il torrente rumoreggia ed una marmotta, come ogni mattina, segnala alle proprie compagne la presenza di visitatori.  D’improvviso un fruscio sempre più forte rompe il concerto di suoni. Nel tentativo di attraversare i pascoli siamo finiti in una trappola d’acqua: due annaffiatoi automatici stanno per incrociare i loro getti… Proprio su di noi!
Non c’è altra soluzione se non correre nella speranza di non ricevere una doccia gelata, ma il tentativo ci riesce solo in parte!
Pazienza, chi dice che “sposa bagnata, sposa fortunata” non possa valere anche per gli escursionisti?
Ci rimettiamo in movimento con il sole che stenta ancora a farsi vedere giocando a nascondino con le cime delle montagne. Ma proprio mentre risaliamo la Valnontey (qui le indicazioni) una specie di rombo attira la mia attenzione. Subito immagino sia un tuono ma il cielo è terso! Pochi secondi e la mente vola ad una frana ma girandomi intorno non vedo nulla… Sconsolato guardo davanti a me per riprendere il cammino ed ecco capito tutto:
dalle pareti della Becca di Gay, proprio dietro il Bivacco Stefano Borghi, si leva una grande nube di polvere! Deve esserci stato un crollo importante!
Il bivio per l’Alpe Money è all’altezza della confluenza tra il Gran Vallon ed il Valnontey.
Il sentiero sale in maniera più che decisa dapprima tra gli arbusti e subito dopo tra i larici. Non sapevamo che, visto il nostro modesto allenamento, sarebbe stato l’inizio di una salita “memorabile”! Si sale costantemente tra continui tornanti e solo di rado la vegetazione  permette di avere un’anteprima di cosa potremo vedere salendo ancora. Poco oltre i 2000 d’improvviso il lariceto si dirada e, dopo aver superato una cengia su roccia attrezzata, ci ritroviamo su uno stretto terrazzo che spazia sui ghiacciai del Gran Paradiso e sul fondovalle.
Il sole è già arrivato ad illuminare le parti culminanti delle montagne ed il bianco splendente della neve contrasta con l’oscurità in cui è ancora immerso il fondo della vallata. Neanche il tempo di assaporare così tanta bellezza che la salita riprende, meno forte di prima ma comunque decisa. La mappa, evidentemente troppo semplicistica, indica una scalata che sulla carta appare breve ma che in realtà ci sembra infinita. Nonostante la bellezza del posto, più di una volta siam sul limite di gettare la spugna. La mente può giocarti brutti scherzi quando, complice lo sforzo fisico, è assalita dalla frustrazione di un’attesa senza fine. Ci facciamo coraggio a suon di “ancora un tornante e poi ci fermiamo” fino a quando, finalmente, il sentiero svolta dietro ad uno sperone roccioso: la cengia che tanto aspettavamo! Siamo a quota  2300 e da qui in poi sarà pressochè una passeggiata.
Valontey   Versp Alpe Money   Prateria
Rimango senza fiato ma non c’entra niente la salita. Ciò che vedo è di una bellezza commovente: siamo infine sul gradino glaciale sovrastato, come una cornice, dai ghiacciai che corrono dal Roccia Viva all’Herbetet passando per la Testa di Valnontey e la Tribolazione.
Le marmotte fischiano, la fame si fa sentire così ci fermiamo su una roccia per gustare il pranzo. Nessun ristorante potrà mai offrie una sala del genere!
Una volta rinfocillati è tempo di ripartire e da qui in poi i miei occhi brilleranno come quelli di un bambino!
Questo tratto di percorso, estremamente aereo e panoramico, attraversa la Conca Costaleina solcata da numerosi ruscelli che scendono dalle cime circostanti in un ambiente di tipica prateria alpina interrotta solo da vere foreste di salici arbustivi che seguono l’andamento dei piccoli corsi d’acqua. Tralasciando la deviazione per il Bivacco Money, in corrispondenza di un banco di gneiss gradinati passiamo accanto ad una zona umida (evidentemente quest’area pressocchè piana permette alle acque di disperdersi) in cui, nonostante la stagione avanzata, resistono ancora alcuni Eriofori.
L’Alpe Money (2325m) è poco distante, e così la raggiungiamo. Il luogo è un vero e proprio inno all’ambiente alpino!
Il massiccio del Gran Paradiso si staglia imponente di fronte a noi con vedute spettacolari sui ghiacciai: il Ghiacciaio del Roccia Viva scende come una colata alla nostra sinistra mentre alla destra quello della Tribolazione sembra la cristallizzazione di una cascata!
Ghiacciaio Roccia Viva   Alpe Money   Ghiacciaio della Tribolazione
Tutto immerso nel solo fruscio dei piccoli torrentelli e delle cascate che da qui precipitano pe centinaia di metri nella valle sottostante. La stessa fusione del ghiaccio crea rivoli d’argento illuminati dal sole… Il ghiaccio riflette, l’acqua scintilla mentre il cielo blu cobalto si staglia sui pascoli ingialliti dall’avanzare della stagione!
Sì, sono in paradiso. Non saprei come descrivere in maniera diversa questo luogo!
E’ possibile proseguire da qui e, con un anello, completare il giro della Valnontey ma noi preferiamo tornare indietro sui nostri passi. Poco prima di intraprendere la vera discesa, la natura ci offre un ultimo regalo: una coppia di Gipeti sfila sotto ai nostri occhi… Stiamo volando ancora più in alto di loro!
Il rientro non è semplice, il sole ci ha letteralmente cotti e le gambe sono oramai stremate.
Riusciamo ad essere in albergo giusto in tempo per la meritata doccia e si corre a riempirci lo stomaco con le prelibatezze locali.
Gli occhi ed il cuore invece son già stati ampiamente pervasi di bellezza ed emozioni durante questa giornata. Anche la parte iniziale la vedo con un’ottica diversa:  sicuramente abbiamo pagato il non conoscere il sentiero che ci ha forse fatto vivere con l’ansia di arrivare al termine della salita ma questo non ha fatto altro che aumentare lo stupore una volta superata.
Dopotutto il paradiso va conquistato… E voi cosa aspettate ad andare a prenderlo? Io il mio credo proprio di averlo trovato!
16_testa-di-valnontey    Gneiss scalinati   Testa di Valnontey