Archivio tag: val pentemina

Al Presepe di Pentema da Torriglia

Durante il periodo natalizio (da metà dicembre a metà gennaio) a Pentema viene allestito un presepe tra le vie del borgo. La strada per raggiungerlo è stretta, tortuosa e fn troppo trafficata durante Castello di Torrigliaquesta ricorrenza. Per questo il mio suggerimento per raggiungerlo è quello di segure l’antica via che da Torriglia portava a Pentema lungo un cammino ricco di storia.
Torriglia (764m) è rinomata meta turistica per le famiglie aristocratiche di Genova fin da inizio ‘900 (vi sono numerosi esempi di villette in stile Liberty) nonchè punto di partenza per molte escursioni nel territorio del Parco Regionale dell’Antola.
Il percorso parte dal centro del paese e giunge fino alla rimessa delle corriere Atp, a lato si stacca la vecchia mulattiera sale verso il Castello. Da qui i Fieschi, e poi i Doria, fin dal 1000 gestivano il potere su questa parte di Appennino Ligure.
Torriglia fu feudo imperiale, marchesato ed addirittura principato tra il 1760 ed il 1797.
MulattieraI prati antistanti i ruderi della fortezza, impreziositi da un laghetto intorno al quale pascolano spesso pecore e cavalli, offrono uno scorcio bucolico veramente bello e rilassante. Io non posso che fermarmici qualche minuto ogni volta che passo di qui!
Riprendiamo  a salire fino a Donetta (1001m), poco oltre il paese un bivio: a destra si sale al monte Antola mentre a sinistra ci si dirige verso Pentema. In questo tratto la mulattiera è ancora in buono stato e permette di poter osservare la cura con cui venivano costruite queste “autostrade” dell’epoca: le pietre messe di taglio per agevolare la presa allo zoccolo del mulo. La salita è meno decisa ed improvvisamente giungiamo presso un ampio pianoro con una bella vista sul monte Prelà (1407m) ed i ruderi del Castello della Vecchia Torriglia. Già, pare che prima ancora di Torriglia stessa fosse Donetta il fulcro di potere della zona. CasoneOrmai non rimangono che basamenti della struttura ma dagli studi eseguiti si è riusciti a darne una planimetria e, soprattutto, a riconoscere l’importanza che aveva il maniero posto al crocevia di essenziali rotte di merci ed uomini tra il mare e la Pianura Padana. Mentre cammino ogni tanto si sento roccambolesche fughe di daini, nella stagione invernale è facile incontrarne sulle radure assolate.
Un piccolo passo a 1155m ci porta a svalicare in Val Pentemina.
Prima di continuare vale la pena godere l’ampio panorama dalla conca di Torriglia al mare!
Mentre scendo il versante nord, tra i rami ormai spogli ecco intravedersi, ancora distante, la nostra meta! La discesa conduce ai margini di un ampio prato con un bel casone, alle sue spalle lassù ecco il piccolo nucleo dei Buoni di Pentema. Attraversiamo la carrabile per i Buoni ed in presenza di un palo della luce svoltiamo a destra in un castagneto. Alcuni esemplari secolari, spesso putroppo ormai deceduti da tempo, si mostrano con tutta la loro maestosità… Li osservo con rigoroso rispetto, monumenti alla vita che per secoli ha regnato tra queste valli!
In breve ci ricongiungiamo con la strada asfaltata per Pentema. Questo versante, decisamente aclive, è ricco d’acqua e spesso lungo uno dei ruscelli si può assistere ad una ininterrotta cascata di ghiaccio tra i balzi della roccia!
Proseguiamo fino ad un piccolo aggregato di case dalla tipica architettura contadina: gli edifici sono disposti lungo il pendio, al piano terra la stalla con mangiatoia, al piano superiore le camere ad uso abitativo,  tutto attorno i muretti a secco che contengono le fasce.
Case a pendio  
Giungiamo così a Pentema (798m).
Il paese è situato a mezzacosta e si sviluppa come un ventaglio con apice la chiesa di San Pietro Apostolo. Un tempo qui vi erano la scuola, diverse osterie ed attività, ad oggi rimane la locanda Al Pettirosso, un punto ristoro ed l’associazione GRS Pentema molto attiva nell’organizzare eventi in particolare, motivo della nostra escursione, il Presepe!
Per lasciarvi la curiosità vi do solo alcune informazioni generali: tra le vie del paese, e negli spazi dove hanno effettivamente operato, è possibile incontrare i personaggi e le attività che animavano il borgo a fine XIX secolo.
Durante tutto l’anno, su prenotazione, è possibile visitare anche il museo contadino di Cà da Sitta (ultima abitante) alloggiato in un edificio del XVI secolo completo in parte di arredi originali ed in parte donati dai cittadini stessi.
La cura dei dettagli è massima, più che un presepe è una vera e propria rievocazione storica. Un gioello che fortunatamente sta iniziando ad esser conosciuto per il suo valore unico! L’atmosfera che si respira catapulta realmente in un’altra epoca! Personalmente non è Natale se non son ancora stato a visitare il Presepe anche perchè ogni anno viene arricchito sempre più!
Il rientro potrà essere effettuato lungo lo stesso percorso.
Se le foto non bastano ad incuriosirvi, ecco qui una piccola anteprima video!
Mentre per la videogita clicca qui!

Costapianella, Val Pentemina

La primavera ha appena iniziato a “fare sul serio”. Gli alberi da frutta sono carichi di fiori, l’erba sui prati è di un verde quasi fluorescente mentre il nostro scooter si inerpica lungo la strada che da Bromia risale la Val Pentemina. L’asfalto finisce molto presto, appena dopo il Ponte Nero, da qui sarà sterrato per almeno un paio km. Un solo aggettivo si addice a questo luogo: selvaggio.
Tra noi ed il torrente Pentemina nessuna protezione, solo un salto di un centianio di metri!
La strada torna asfaltata, superiamo il bivio per l’agglomerato di nuclei che compongono il Rione di Carsegli e proseguiamo verso Pentema.CostapianellaCappella San Rocco
D’improvviso, presso un piccolo spiazzo ecco il cartello che indica l’inizio del sentiero per la nostra meta: Costapianella!
In circa 20 minuti la vecchia mulattiera, circondata da alcuni castagni secolari, sale finchè  un bagliore chiaro si staglia tra le foglie: la cappella di San Rocco.
L’edificio è stato recentemente restaurato dalle persone che un tempo vivevano nel paese, seppur magari solo nel periodo estivo, perchè sul prato antistante veniva allestita una festa con balli e canti nel giorno dedicato al santo!
Dobbiamo ringraziare il desiderio di mantenere il ricordo di quei giorni se la cappella versa in ottime condizoni!
La mulattiera prosegue seguendo la linea del crinale, in questo tratto pianeggiante, passando prima accanto al vecchio trogolo e poi insinuandosi tra le case.
Purtroppo, come spesso accade, le stanze sono spoglie di qualsiasi arredo ed è evidente la frequentazione da parte di squadre di softair: ci son pallini ovunque! Non capirò mai la mania di andare a distruggere questi luoghi
CostapianellaCostapianellaLe case della parte più bassa hanno i segni di un utilizzo (e cura) più recente nel tempo: l’intonaco è “fresco” e paiono rinforzate in cemento armato!
Addirittura un edificio ha ancora le impalcature esterne, probabilmente i proprietari avevano iniziato qualche lavoro che però è stato lasciato a metà!
In presenza di un secondo piccolo trogolo, ancora funzionante fino alla recente alluvione del 2014, la via si biforca.  Qui è chiaro motivo del nome dato al paese: siam su una sorta di terrazzo naturale… Tutto intorno a noi i ripidi versanti del monte Penzo (raggiungibile seguendo la mulattiera le cui condizioni però non abbiam verificato)!
In testa al paese, muovendovisi con estrema attenzione, ci son gli edifici che regalano gli spunti più interessanti: le murature interne sono in pietra ed addirittura in uno è possibile osservare un piccolo runfò (antica cucina) avvolto nell’oscurità data da una tenda naturale di edera che ricopre la finestra! Purtroppo la strada in condizioni non proprio agevoli e la quasi assenza di possibilità parcheggiare la macchina, se non in modo “creativo” nell’unico slargo nelle vicinanze, possono essere un disincentivo a visitare Costapianella.
Al netto delle scomodità, però, vale assolutamente la pena di esplorarla per il fascino che ancora ha! Le fatiche saranno ampiamente ripagate!
Se vuoi vedere la videogita clicca: qui.

Costapianella Costapianella Costapianella Interno Interno Interno

Tecosa, Val Pentemina

Sapevo della sua esitenza ma a differenza di Riola non ero ancora riuscito a vederla.
Poi un giorno, gironzolando intorno alla cima del monte Spigo, mi apparve: Tecosa.
Fu allora che decisi di raggiungere questo piccolo aggregato di case in testa al Fosso di Riola, un ramo laterale della Val Pentemina.  Tecosa Tecosa
Cercando in rete (www.paesiabbandonati.it) trovai finalmente il sentiero che mi ci avrebbe condotto: l’antica mulattiera che oggi è poco meno di una pista nel bosco. Partendo dal Passo di Pentema, in prossimità dello spiazzo per il parcheggio, si doveva scendere dritti nella massima pendenza e, tra spazzatura varia lasciata dai soliti incivili, procedere fino ad un bivio indicato allora da una sorta di intaglio su un albero. A sinistra per Tecosa, dritto per Riola. E così arrivai, feci questo video e non ci tornai fino ad un mesetto addietro.
Le cose in questo lasso di tempo sono cambiate, a cominciare dal sentiero sempre più interrotto da alberi caduti. Inoltre le piene di questi anni hanno reso molto meno agevole il guado del ruscello che si incontra poco prima del paese.
A darci il benvenuto a Tecosa c’è una piccola fonte captata. Il nucleo abitativo è costituito da una decina di edifici, la maggior parte inesorabilmente crollati, adagiati sul pendio.
Qui non c’erano solo case contadine, c’è infatti una casa con una sorta di spiazzo coperto di detriti da cui però spunta una ringhiera lavorata!
TecosaLa costruzione che regala sicuramente più soddisfazioni è quella a tre piani, ancora quasi del tutto intatta esternamente! Ovviamente non si può entrare ai piani alti, i pavimenti ed i soffitti di castagno sono quasi tutti marci ma si può osservare l’interno sbirciando da porte e finestre. Si  può, invece con le dovute cautele e rimanendovi il minor tempo possibile, entrare nella stalla al piano terra per un particolare insolito: un doppio arco a tutto sesto!
Su questo edificio è anche possibile rintracciare i resti degli isolatori per la corrente elettrica.
Ancora interessante è un fienile con all’interno una madia (cassa per la farina) ed un vallo (ventilabro in italiano), macchinario per eliminare impurità dal grano.
Infine si può scendere verso una delle ultime case del paese che mantiene ancora un bel colore rosso appena sbiadito dal tempo con uno scorcio incantevole su una cucina ed il runfò con ancora del pentolame sopra.
A proposito di oggetti, spersi per il paese si possono ancora vedere pentolami varii e secchi di latta che resistono al tempo.
Come detto ad inizio, la situazione è abbastanza peggiorata dall’ultima visita che vi ho fatto. Il bosco con le liane ed i rovi stanno prendendo il sopravvento, aggiungiamo i crolli ed il danno è fatto. Chi vorrà avventurarsi potrà godere di questo piccolo avamposto.
Purtroppo la domanda da farsi è… Per quanto? Temo non moltissimo, Tecosa sta cedendo.

Interno Cucina 39_Madia
Tecosa Fienile Interno Interno